Un piccolo tesoro appuntito

IL MOMENTO PERFETTO
  • 8 novembre
  • 10°
  • 317 m
  • Nostalgico

In Ticino castagna fa rima con storia, cibo, tradizione e divertimento. Ogni bambino è già andato in uno dei numerosi boschi di castagno sparsi per tutto il cantone a raccogliere questi frutti marroni che possono poi diventare delle profumate caldarroste, ottimi vermicelles, una gustosa farina, dei croccanti cereali o un’aromatica birra. E se gustare questi prodotti può essere un viaggio di scoperta anche la loro lavorazione nasconde varie sorprese.

Ti trovi a Moghegno, all’inizio della Vallemaggia e intorno a te ci sono tanti bambini che stanno “scaricando la grà”: è una grande festa. Che significa?
La grà, come ti è stato raccontato, è un tipo di edificio antico presente in quasi tutti i comuni ticinesi dove si raccoglievano le castagne. Sono però pochi quelli ancora attivi in Ticino: Moghegno, Vezio e Muggio.
Organizzato su due piani, al piano inferiore si accende un fuoco che deve continuamente ardere e creare fumo per circa tre settimane (tra ottobre e novembre). Sopra, su una graticola, ci sono diverse centinaia di chili di castagne che si essiccano. Una volta pulite vengono poi macinate e dalla farina quante cose buone si possono fare!
Tutto questo non lo sapevi fino a poche settimane fa, quando per caso sei passato da Moghegno e hai visto una folla di bambini curiosi ognuno con in mano un piccolo sacchetto con le castagne raccolte nel bosco. Hai chiesto e ti hanno spiegato che è una tradizione antica, che arriva da quando la castagna era l’alimento principale in Ticino e la pianta su chi cresceva era “L’albero”. 

Un tesoro che ora deve lentamente seccare

Un tesoro che ora deve lentamente seccare

I bambini depositano i preziosi frutti

I bambini depositano i preziosi frutti

Tutti in fila con le castagne sulle spalle

Tutti in fila con le castagne sulle spalle

Che sarà mai la grà?

Che sarà mai la grà?

Il fuoco deve restare acceso per un mese

Il fuoco deve restare acceso per un mese

Quella casa sta fumando

Quella casa sta fumando

Picchiare forte i sacchi per staccare la buccia delle castagne

Picchiare forte i sacchi per staccare la buccia delle castagne

Bisogna pulire bene i frutti

Bisogna pulire bene i frutti

Le caldarroste che ti piace tanto gustare nelle piazze ticinesi riscaldato dal sole autunnale hanno così guadagnato un sapore in più, quello della storia.

Anche le belle passeggiate nelle selve castanili in compagnia della tua famiglia sono ancora più interessanti. Canticchiate quella canzoncina che ogni bambino ticinese conosce “sotto il castagno / cresce un funghetto …” e l’allegria è al massimo, tra risate e stupore.

Cercare castagne piace ai tuoi figli e anche tu ti stai divertendo molto: ti ricorda quasi l’avventura della caccia alle uova di Pasqua. 

Marialuce Valtulini, - formaggiaia
Marialuce Valtulini,formaggiaia
Ti potrebbe interessare anche la seguente storia
Sono irremovibile quando si parla di ingredienti per il mio formaggio. Non userò mai latte proveniente da un’altra valle perché cambierebbe l’identità dello zincarlin.
Leggi la storia

BELLINZONA - CHE TEMPO FA OGGI

29°
  • Martedì 16 Luglio
  • Max 29° / Min 13°
  • Precipitazioni 0%

CHE TEMPO FARÀ NEI PROSSIMI GIORNI

mer

16°-30°

gio

16°-27°

ven

15°-31°

sab

17°-32°

COSA TROVO NEI PARAGGI

INFO UTILI

Ti piace raccogliere castagne ma poi non sai che fartene? Durante l’autunno in Ticino ci sono 4 centri di raccolta a Cadenazzo, Muzzano, Stabio e Biasca che ripagheranno i tuoi sforzi.


CONTATTI
COSA METTO NELLE CUFFIE

ALTRE ESPERIENZE