Storia: Un’arte tutta da imparare

Da capriccio della natura a oggetto di lusso

Vicino a Lugano, nel laboratorio del maestro tornitore, il legno prende vita.

A Lamone, il legno di boschi e giardini si trasforma in meravigliosi articoli decorativi. Matthias Bachofen, unico tornitore diplomato del Ticino, crea al tornio vasi, penne e oggetti artistici e trasmette la propria passione nell’ambito di entusiasmanti corsi.

IL PERSONAGGIO

Matthias Bachofen, tornitore

Matthias Bachofen, tornitore
Non tingo il legno per dargli colore, ma per metterne in risalto caratteristiche che ha già.

Vale la pena di fargli visita solo per starlo a guardare mentre lavora: quando Matthias Bachofen, classe 1964, monta sul tornio un anonimo pezzo di legno e mette in moto la macchina, ha inizio uno spettacolo affascinante, fatto di gesti impercettibili e illusioni ottiche. Semi-nascosto in una nuvola di trucioli, il legno prende vita: saltella, ondeggia, si espande e si contrae – finché pochi minuti dopo, quando Matthias abbassa la sgorbia, appare un oggetto perfettamente modellato. Una piccola trottola con una morbida curvatura, una punta lunga e sottile e una simmetria perfetta.

LA STORIA COMPLETA


Lamone, Lugano

Nel laboratorio di Matthias, 6–8 torni sono pronti all’uso per i corsi in presenza. Il piccolo studio di registrazione con 4 webcam in un angolo, invece, è il set delle dimostrazioni online che si tengono regolarmente. “L’idea è nata durante la pandemia ed è ormai parte integrante dell’offerta”, spiega l’artigiano, che ha una rete di contatti molto ampia e si è fatto un nome a livello internazionale come esperto del settore. 

Originario di Winterthur, Matthias vive in Ticino dal 1990 ed è da sempre l’unico tornitore diplomato del cantone. All’inizio, fabbricava soprattutto pomelli per mobili e gambe per tavoli per falegnami che gli sottoponevano i loro modelli. Guadagnava bene, ma non ne ricavava alcuna soddisfazione. Poi i tempi sono cambiati. La domanda di prodotti classici è calata, la produzione industriale ha avuto la meglio nel campo dei mobili.

Lamone, Lugano
Lamone, Lugano

Matthias ha volto lo sguardo verso l’artigianato artistico – e ha fatto bene. “Oggi creo oggetti di lusso che piacciono molto. E ciò mi rende felice.”

Lamone, Lugano
Pro tip
Aticrea:
con oltre 60 artigiani iscritti è una piattaforma per entrare nel mondo dell'artigianato e vederlo con gli occhi dell'artista, grazie a una visita in atelier.
Alla Scuola di Scultura di Peccia, in Vallemaggia, i corsi spaziano dalla scultura in pietra e legno alla modellatura del gesso e al disegno. Il tutto accompagnato dalla promessa di una vacanza indimenticabile in un paesaggio da favola.
Lo sapevi che
3'500 anni fa, e forse più, nasceva il mestiere
del tornitore?
I reperti più antichi
risalgono agli
Etruschi.
Lamone, Lugano

Nel suo showroom, annesso al laboratorio di Lamone, l’odore del legno si mescola con il profumo aromatico ed etereo proveniente dalla stanza accanto, dove la moglie Daniela gestisce un negozio di tè e spezie. Tra i meravigliosi oggetti in esposizione emergono vasi, ciotole, scatole, candelieri – dalla superficie liscia e lucida, spesso colorata. Predilige i toni naturali del legno. Anche i bordi in oro sono tra le sue specialità. I particolari motivi che rendono unico ogni pezzo, però, sono di origine puramente naturale.

Lamone, Lugano

Per dirla con le sue stesse parole, Matthias trae partito dalle bizzarrie della natura: un fungo nel legno, un nodo o una concrescenza; magari il tronco di un tasso che giaceva nell’acqua. Le sue preferenze sono note ai giardinieri del posto. “Quando si trovano tra le mani un pezzo di legno fuori dal comune, me lo portano sempre.” Matthias, infatti, predilige il legno proveniente dai giardini, parchi e boschi dei dintorni. Frassino, acero, castagno e faggio, ma anche corbezzolo, olivo o calicantus – quel che capita.

Per una penna uso solo legno insolito. Se no, è una penna come un’altra.

Ogni legno ha un suo carattere e odore. Si prenda il pino cembro: ha un profumo piacevole, che concilia il sonno – e infatti Matthias confeziona sacchetti di trucioli di pino cembro per imbottire i cuscini. Poi, prende con cautela dallo scaffale più alto alcuni recipienti. In essi si cela un pezzo di storia, rivela Matthias. “Sono fatti con il legno di un vecchio platano che si ergeva davanti al municipio di Cadempino.

Lamone, Lugano
Lamone, Lugano

Quando ho saputo che l’albero sarebbe stato abbattuto per lavori di ristrutturazione, mi sono assicurato il materiale.” Matthias dà grande importanza alla sostenibilità.

Lamone, Lugano
Lamone, Lugano

Il legno è un materiale dal fascino tutto particolare. E in genere è facile da reperire. Matthias spiega così il crescente interesse per i suoi corsi e le dimostrazioni online. Ad amare la lavorazione di questo materiale naturale è soprattutto chi di professione fa tutt’altro. Infatti, la tornitura del legno è praticata principalmente come hobby. I corsi di Matthias sono frequentati per lo più da dilettanti che cercano un contraltare alla vita quotidiana. Gli iscritti sono sia principianti che gente con esperienza, sia abitanti del posto che turisti. Su richiesta, Matthias è ben felice di ideare un programma su misura. E chi si lascia contagiare dal suo entusiasmo può continuare a coltivare il nuovo hobby a casa propria – ha solo bisogno di un tornio. 

“A fare una trottola si impara il primo giorno di corso.”

CONDIVIDI 

CONSIGLIATO PER TE


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Se ti va, possiamo fare due chiacchiere via mail. Iscriviti per ricevere nuove storie.



Storie

LA PROSSIMA STORIA