Storia: La passione (s)colpisce

Dove gli artisti lavorano assieme, come amici

A Peccia si trovano un Centro Internazionale di Scultura capace di attirare artisti da tutto il mondo e una Scuola di Scultura, che offre un’ampia gamma di corsi.

Lontano dal lago e dalle vie più trafficate la purezza della roccia mostra la sua maestosità. A Peccia, quasi alla fine della Vallemaggia, chi vede la cava di marmo rimane senza fiato, chi visita la Scuola di scultura ne rimane incuriosito. Chi sono Almute e Alex?

IL PERSONAGGIO

Almute e Alex Naef, Scuola Scultura Peccia

Almute e Alex Naef, Scuola Scultura Peccia
La musica della forgia è come una danza: è un suono che senti in tutto il mondo e viene naturale.

Partendo da Locarno la strada è prima pianeggiante e ampia, poi si fa più ripida e ricca di curve. Si attraversano i caratteristici villaggi, testimoni di un passato fatto anche dall’emigrazione e da chi fece fortuna nel Nuovo Mondo, e si ammirano le pareti imponenti e scoscese, le montagne tutte attorno, la luce, l’energia forte e densa. A Peccia l’ispirazione ti colpisce.

Ci accoglie il rumore del martello sul ferro dell’incudine dove Alex sta forgiando le punte degli scalpelli. Alle sue spalle il fuoco scoppietta nella forgia. Alex Naef, direttore della Scuola di Scultura di Peccia, è uno scultore di terza generazione. Nato nel 1954 nel Canton San Gallo, già suo padre e suo nonno scolpivano la pietra. Dopo studi artistici e di pedagogia, dal 1986 è a Peccia, dove ha visto crescere la scuola che dirige da 34 anni.

Una grande sfida e una bella avventura, che Alex non fa da solo. Al suo fianco c’è Almute Grossmann Naef co-direttrice della scuola e membro del Consiglio di Fondazione del Centro Internazionale di Scultura, che ospita esposizioni e residenze artistiche.

Oggi la struttura, nei 6 mesi di apertura durante la bella stagione, organizza più di 40 settimane di corsi che attirano oltre 400 partecipanti, dai professionisti ai principianti. Dare a ognuno la possibilità di essere creativo. È l’obiettivo della Scuola di scultura.

Il nostro compito era di dare a ognuno la possibilità di essere creativo.

Questa è una zona molto particolare: qui si sente la storia del luogo e dei suoi abitanti. Qui l’essere umano ha combattuto con la pietra e la natura. Almute sente l’energia di questo luogo che influisce su chi arriva a Peccia per perfezionarsi, scoprire un talento nascosto o semplicemente provare una nuova esperienza. 

A Peccia a far la differenza non è soltanto l’energia del luogo ma anche la cava di marmo bianco. Situata a circa 5 km in linea d’aria dal paese, questa cava a 1’400 metri di quota incute rispetto.

Può capitare che una persona arrivi qui senza mai aver preso in mano un martello e dopo due settimane di corsi tiri fuori qualcosa che mai avrebbe pensato di poter avere.

Pro tip
L’altare della chiesa di Giumaglio è in marmo di Peccia. La chiesa è dedicata alla Beata Vergine Assunta.
La cava di Peccia è come un candido gigante. Aperta nel 1946, è arrivata ad impiegare una quarantina di operai negli anni ’70.
Preziosi blocchi di marmo rossso invece sono usciti dalle cave di Arzo. Oggi rivivono come palco scenografico per eventi.

Nel paesino di Peccia incastonato tra le montagne non ci si sente mai soli: da subito questa realtà artistica ha collaborato con delle università, che hanno visto il potenziale della scuola tra le montagne.

In passato si esportavano svariate tonnellate soprattutto verso il nord Europa. L’anfiteatro creato dall’estrazione dei blocchi rende il panorama estremamente scenografico.

Il nuovo Centro Internazionale di Scultura ospita a turno 5 artisti in residenza, nel padiglione trovano spazio esposizioni dal respiro internazionale. È un luogo di incontro che vuole stimolare la creatività valorizzando arte e territorio.

L’apertura a maggio 2020 corona il sogno di Almute e Alex.

“Il marmo e il sole del sud vanno molto bene assieme.”

CONDIVIDI 

CONSIGLIATO PER TE


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Se ti va, possiamo fare due chiacchiere via mail. Iscriviti per ricevere nuove storie.



Storie

LA PROSSIMA STORIA