142013
Image 0 - Morbio Inferiore

Morbio Inferiore

Descrizione

Il primo insediamento umano a Morbio Inferiore risale all’antichità. Il villaggio era infatti già popolato in epoca romana, come testimoniano i ritrovamenti di tre tombe nel 1851 e delle fondamenta di una villa romana negli scavi del 1920. Una presenza umana costante comprovata anche dagli studi effettuati sull’antica parrocchiale, la Chiesa di San Giorgio. Costruito durante il dominio longobardo (VII-VIII secolo), l’edificio ha successivamente ospitato ben sette diverse chiese in altrettante epoche, come attesta l’iscrizione sull’architrave dell’entrata laterale che reca le date 1309, 1550, 1670, 1750 e 1978.

 

Durante il Medioevo e sino al XVIII secolo, Morbio Inferiore dipendeva dalla Pieve di Balerna. Nel 1776 il Santuario di Santa Maria dei Miracoli, eretto a partire dal 1595 sulle rovine di un antico maniero e consacrato nel 1613, venne elevato a chiesa parrocchiale e la vice-parrocchia di Morbio si separò dalla matrice di Balerna. Proprio il castello, presente anche sullo stemma comunale con una torre bianca ed una rossa, ha avuto un’importanza capitale per lo sviluppo del paese. Documentata sin dal 1198 ma sicuramente più antica, la fortezza fu contesa dai Confederati e dal Duca di Milano. Passò per vari proprietari e nel 1517 venne smantellata dagli Svizzeri, che lasciarono in piedi solo una piccola cappella tra le macerie.

 

Comune a vocazione agricola (mais, gelso, tabacco e vite erano le colture più diffuse) e che disponeva di alcuni mulini lungo il fiume Breggia, Morbio Inferiore ha subito nel corso del XX secolo una profonda trasformazione dovuta allo sviluppo economico (nascita di alcune industrie come il pastificio, la birreria ed il cementificio) che l’ha portato ad assumere, negli ultimi decenni, il profilo di un comune residenziale. Nel 1977 Mario Botta realizza la Scuola Media, definita “significativa per lo sviluppo dell’edilizia scolastica ticinese”. Due anni dopo Pierino Selmoni aggiunge una sua scultura al complesso scolastico: il granitico “Uomo semisommerso” fa capolino dal prato antistante.

Caratteristiche

  • TRASPORTI Bus