139552
Image 0 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 1 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 2 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 3 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 4 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 5 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 6 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 7 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 8 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 9 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 10 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 11 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 12 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 13 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 14 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 15 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 16 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 17 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 18 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 19 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 20 - Sentiero dell'olivo, Gandria
Image 21 - Sentiero dell'olivo, Gandria

Sentiero dell'olivo, Gandria

Descrizione

Il Sentiero dell'olivo si snoda tra Gandria e Castagnola tra boschi e oliveti ed è stato creato e inaugurato nel 2002. Il percorso lungo 3.3 km è arricchito da 18 tavole informative recanti notizie sulla storia, la botanica, la coltivazione dell'olivo, sulle olive e sull'olio.

Il sentiero è percorribile nei due sensi e il ritorno è possibile grazie alla linea di autopostali Lugano-Porlezza. A Gandria si accede al percorso nei pressi del parcheggio sulla cantonale; a Castagnola vicino dell'ex municipio.

Partendo da Gandria s'incontra dapprima, in località Nusera, il nuovo oliveto impiantato dall'Associazione Amici dell'Olivo nel 2001 e situato su terrazzi sostenuti da muri a secco.

Si scende verso Rozza, a est del nucleo, dove dal 1999 vive un oliveto coltivato biologicamente. Si giunge al pontile di Gandria, dove si ammira una vecchia pianta di olivo alta circa 10 m e si prosegue fino al negozio Arcovia, situato in un pregevole edificio che apparteneva, nel Cinquecento, alla famiglia patrizia dei Verda de Olivetis, sul cui stemma figura, accanto a due gigli, un olivo.

Nei pressi del Municipio è stato collocato il vecchio torchio a trazione animale recuperato a scopo didattico. Si sale poi verso la chiesa di San Vigilio e si prosegue lungo la riva del lago fino a Triverli, in seguito al lido di San Domenico. Qui si può continuare fino a Castagnola oppure salire verso il Parco degli Ulivi, da cui si gode una splendida vista sul lago e sulle montagne circostanti. Dal parco si può poi scendere e riprendere il sentiero in basso.

Suggerimenti

  • Scarponcini da trekking
  • Berretto
  • Borraccia
  • Occhiali da sole
  • Crema protettiva
  • Cartina escursionistica
  • Macchina fotografica
  • Cibo

 

Montagnepulite: Questo progetto nasce per favorire la gestione efficace e sostenibile delle capanne alpine sul territorio ticinese. In particolare la gestione dei rifiuti. La gestione responsabile dei rifiuti in montagna è questione di buon senso. Tutti noi possiamo dare un contributo:

https://www.montagnepulite.ch/it/regole-d-oro

Varianti

-

Presso questo itinerario

HikeTicino: l’App per tutti i percorsi!