139228
Image 0 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 1 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 2 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 3 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 4 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 5 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 6 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 7 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 8 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 9 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 10 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 11 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 12 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 13 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 14 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 15 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 16 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 17 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 18 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo
Image 19 - Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo

Passo del Lucomagno - Capanna Cadlimo

Descrizione

Storico valico che unisce la Valle di Blenio alla Surselva. Il Passo del Lucomagno costituisce il punto di partenza ideale per coloro che desiderano effettuare un’escursione nel cuore delle alpi svizzere. Dall’Ospizio Santa Maria, situato a 1914 m s.l.m. e servito da una fermata dell’AutoPostale, si diramano numerosi itinerari escursionistici.

Una delle passeggiate più belle è quella che dalle sponde del Lago di Santa Maria permette di raggiungere i 2570 metri di quota della capanna Cadlimo. Dopo un breve tratto pianeggiante, lungo un’ampia strada sterrata, che prosegue attraverso la Val Termine verso la regione del Ritom, un sentiero s’inerpica permettendo di guadagnare rapidamente quota. In seguito il percorso si distende in un paesaggio caratterizzato dalla presenza del fiume Reno di Medel, affluente del fiume Reno, le cui acque sfociano, dopo un percorso di oltre 1200 km, nel Mare del Nord.

All’incirca a metà percorso si giunge allo Stabbio nuovo, dove spesso è possibile scambiare due chiacchere con l’alpigiano che trascorre in questa valle i mesi estivi in compagnia dei suoi cani e oltre un centinaio di yak. Questi grossi e mansueti animali, conosciuti anche con il nome di bue tibetano, punteggiano il paesaggio dandogli un tocco esotico e originale. Nel tratto finale, a oltre 2400 m s.l.m., il territorio diventa roccioso e assume un fascino particolare anche grazie alla presenza di numerosi stambecchi.

Suggerimenti

  • Abbigliamento impermeabile, leggero e caldo
  • Scarponcini da trekking
  • Guanti, berretto, biancheria di ricambio
  • Zaino massimo 5-8 kg a pieno carico
  • Piccolo pronto soccorso con coltellino
  • Sacco-lenzuolo per il pernottamento in rifugio (capanna)
  • Pila, occhiali da sole, crema protettiva, borraccia
  • Cartina escursionistica / topografica
  • Bussola
  • Macchina fotografica
  • Cibo
  • Coprizaino

 

Montagnepulite: Questo progetto nasce per favorire la gestione efficace e sostenibile delle capanne alpine sul territorio ticinese. In particolare la gestione dei rifiuti. La gestione responsabile dei rifiuti in montagna è questione di buon senso. Tutti noi possiamo dare un contributo:

https://www.montagnepulite.ch/it/regole-d-oro

Varianti

-

Presso questo itinerario

HikeTicino: l’App per tutti i percorsi!