138399
Image 0 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 1 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 2 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 3 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 4 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 5 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 6 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 7 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 8 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 9 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 10 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 11 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 12 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 13 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 14 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 15 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 16 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 17 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 18 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 19 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini
Image 20 - Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini

Monte Gambarogno: da Neggia a Indemini

Percorri il sentiero che dall’Alpe di Neggia ti porterà fino al caratteristico villaggio di Indemini. Durante la tua escursione, degusta il formaggio fresco prodotto all’alpe e goditi il panorama incomparabile sul Lago Maggiore da una diversa angolazione: quella del Monte Gambarogno. A Indemini la pace e il silenzio che regnano ovunque ti colpiranno, mentre il piccolo villaggio realizzato interamente in pietra grezza ti rapirà.

Vista incomparabile sul Lago Maggiore. A nord della fermata dell'autopostale, all'Alpe di Neggia parte una comoda mulattiera che conduce in cima al Monte Gambarogno, dal quale si gode una vista incomparabile sul Lago Maggiore e sull'intero arco alpino. Il sentiero scende poi, con ampie svolte, lungo il declivo occidentale per arrivare all'Alpe Cedullo dove è possibile gustare il formaggio prodotto in loco. Da lì si prosegue in leggera salita sotto la pietraia di Sant'Anna e si giunge al colle omonimo con l'oratorio solitario, che conserva sulla parte terminale un affresco raffigurante una "Madonna del latte" della cerchia di Antonio da Tradate (attivo nella regione, tra il 1480-1510). La discesa su Indemini si effettua agevolmente lungo il pendio dei Sassi Gialli. Passata la Val Crosa, si scende attraverso un bosco di betulle e ben presto si intravedono i tetti di piode del villaggio. Indemini è l'unico villaggio ticinese costruito interamente con pietre grezze prese sul posto. Le case, quasi tutte scure e tutte uguali, sono realizzate con il tetto di "piode" e le "lobbie" di legno. Pace e silenzio regnano ovunque.

Suggerimenti

Per fruire dell'itinerario vi consigliamo l'acquisto delle mappe ufficiali dell'Ufficio Federale di Topografia Swisstopo. Inoltre il sito map.geo.admin.ch offre dati costantemente aggiornati.

  • Scarponcini da trekking
  • Berretto
  • Borraccia
  • Occhiali da sole
  • Crema protettiva
  • Cartina escursionistica
  • Macchina fotografica
  • Cibo

Montagnepulite: Questo progetto nasce per favorire la gestione efficace e sostenibile delle capanne alpine sul territorio ticinese. In particolare la gestione dei rifiuti. La gestione responsabile dei rifiuti in montagna è questione di buon senso. Tutti noi possiamo dare un contributo: https://www.montagnepulite.ch/it/regole-d-oro

Varianti

-

Google Street View

Presso questo itinerario

hikeTicino: l’App per tutti i percorsi!