2789
Image 0 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 1 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 2 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 3 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 4 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 5 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 6 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 7 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 8 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 9 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto
Image 10 - Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto

Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto

Descrizione

Questo museo, unico nel suo genere, è stato creato nell'intento di conservare e valorizzare le testimonianze rurali del Mendrisiotto e Basso Ceresio.

Sede del museo è il palazzo delle vecchie scuole comunali, un edificio ottocentesco posto all'inizio di Via al Castello, la stradina che dalla Piazza Maggiore, nel centro del nucleo, risale il colle sul quale anticamente sorgeva, appunto, un castello o una torre. Aperto nel 1981, il museo è proprietà del comune di Stabio.

Al pianterreno, nella sala dei mezzi di trasporto, sono esposti carri, carrette e calessi di vario tipo nonché l'attrezzatura del carradore, l'artigiano che fabbricava i carri e ne assicurava la manutenzione.
Il primo piano, con la biblioteca, è riservato alle mostre temporanee.
Una bella collezione di trappole e tagliole per la cattura di volpi, faine, tassi, topi, uccelli, e l'attrezzatura da stalla trovano posto sul pianerottolo del secondo piano. Sullo stesso livello, in due grandi sale, sono esposti, raggruppati a seconda della loro funzione, oggetti attinenti a varie attività del mondo rurale.
Nella prima sala si possono vedere attrezzi da taglio: seghe, scuri, forbici e coltelli, falci fienaie; finimenti per cavalli, muli e buoi: gioghi, cavezze, morsi, collari; oggetti per il trasporto umano e animale: carriole, gerle, cesti. Nella seconda sala sono raccolti gli attrezzi per la lavorazione della terra e dei suoi prodotti: aratri, vanghe, zappe, forche e forconi, erpici, rastrelli, correggiati, ventilabri.
Degna di nota, inoltre, una stupenda serie di "arazzi rustici" eseguiti dagli allievi delle scuole, seguiti dalla maestra Lisa Cleis-Vela.

Caratteristiche

  • ORARI Martedì: 14:00 - 17:00
    Giovedì: 14:00 - 17:00
    Sabato: 14:00 - 17:00
    Domenica: 14:00 - 17:00
  • MUSEI Musei etnografici