138395
Image 0 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 1 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 2 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 3 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 4 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 5 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 6 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 7 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 8 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 9 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13
Image 10 - Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13

Sentiero Smeraldo Ticino-Lombardia: Tappa 13

Descrizione

Questa tappa è una splendida escursione a contatto con la natura ed offre un paesaggio spettacolare sul Lago Ceresio e il Lago Maggiore, con le valli del luganese, del locarnese e la Val Veddasca in Italia. Da Bellinzona o Lugano con l'autopostale si raggiunge Miglieglia, da dove si può prendere la funivia per il Monte Lema. Se non si vuole pernottare a Indemini o Monteviasco, bisogna controllare in anticipo gli orari della corriera per il ritorno.
Prendendo la funicolare da Miglieglia si arriva in vetta al Monte Lema, dove si trova l'omonimo ristorante e rifugio. Da qui si segue il sentiero che conduce ai Gradiccioli e al Monte Tamaro. Questa tappa, che percorre una tratta della famosa traversata Monte Lema - Monte Tamaro, passeggiata che ha ricevuto il premio 'Wanderoscar' 2006/2007 (migliore destinazione escursionistica svizzera), permette di raggiungere Monteviasco passando dal pittoresco borgo di Indemini. Il sentiero offre un'eccezionale vista panoramica a 360° sul Lago di Lugano e sul Lago Maggiore ed è meta di sportivi quali appassionati di mountain bike e amanti del parapendio. Seguendo il percorso si arriva ad una cascina, dove è possibile acquistare delle bibite. Si prosegue quindi per il Monte Gradiccioli, e una volta oltrepassato si arriva alla Bassa di Montoia, dove invece di continuare per il Monte Tamaro si prende la deviazione sulla sinistra verso i Monti Sciaga. Si lascia quindi il sentiero principale e ci si inoltra nel Gambarogno seguendo il percorso 'Tra Monti e Laghi' ideato dalla Comunità Montana delle Valli del Luinese e dall'Ente Turistico del Gambarogno, per passare attraverso la zona di Sciaga, caratterizzata da un ampio spazio aperto, che oltre ai vasti terreni agricoli è particolarmente significativa per la presenza di un nucleo insediativo molto interessante. Gli edifici rettangolari sono disposti lungo le curve di dislivello seguendo il sentiero, per cui il complesso è organizzato su quote diverse. Continuando si raggiunge Indemini, affascinante villaggio che ha conservato caratteristiche ancora medievali. Malgrado i restauri frequenti, l'abitato di Indemini si è conservato intatto, e rappresenta un modello di insediamento alpestre, caratterizzato dall'uso di materiali locali che conferiscono all'abitato un'omogeneità stilistica unica. Qui è possibile pernottare o continuare direttamente per la Val Veddasca in Italia, dove seguendo le indicazioni si raggiunge la località di Piero. Oggi, le maggiori fonti di sostentamento sono l'allevamento caprino, la produzione di formaggi e salumi secondo pratiche tradizionali e l'attività agrituristica. Più a valle, nella piana del Giona, si trovano i resti di antichi mulini ad acqua, particolarmente utilizzati nel XVIII e XIX secolo. I Mulini di Piero, costruiti con roccia e legno locali, acquisirono un'importanza strategica come centro di scambi e interessi economici di tutta la valle. Al Ponte di Piero nelle vicinanze del parcheggio si può prendere la funivia per raggiungere Monteviasco senza ulteriori sforzi (è consigliato controllare gli orari in anticipo) oppure si sale per l'antica mulattiera di circa 1350 gradini per 375m di dislivello. Salendo si incontra la Cappella dedicata alla Madonna di Lourdes costruita sul finire dell'800 (Ponte di Piero). In seguito si trova la Cappella del Schuster e l'antica Cappella del Redentore. Tra muri a secco e castagneti si raggiunge dunque il villaggio di Monteviasco, preannunciato dal Santuario della Serta. Si entra così in paese che si può visitare, percorrendo il labirinto dei suoi stretti viottoli, piazzette e fontane.

Suggerimenti

  • Scarponcini da trekking
  • Berretto
  • Borraccia
  • Occhiali da sole
  • Crema protettiva
  • Cartina escursionistica
  • Macchina fotografica
  • Cibo

 

Montagnepulite: Questo progetto nasce per favorire la gestione efficace e sostenibile delle capanne alpine sul territorio ticinese. In particolare la gestione dei rifiuti. La gestione responsabile dei rifiuti in montagna è questione di buon senso. Tutti noi possiamo dare un contributo:

https://www.montagnepulite.ch/it/regole-d-oro

Varianti

-

Google Street View

Presso questo itinerario

HikeTicino: l’App per tutti i percorsi!