Via Crucis nella selva castanile di Biasca

Ai piedi di impressionanti pareti rocciose, la Via Crucis nel castagneto di Biasca ci riporta ad un passato non solo legato alle tradizioni religiose, ma anche ad avvenimenti che hanno profondamente segnato la storia del cantone.

Il percorso parte dal posteggio dell'odierna chiesa parrocchiale di San Carlo (inizio XIX sec.) da dove basta alzare gli occhi verso la montagna per vedere la suggestiva mole della chiesa romanica dei SS. Pietro e Paolo (XII-XIII sec.), antica chiesa parrocchiale, raggiungibile in pochi minuti seguendo i cartelli escursionistici, grazie ad una ripida scalinata in sasso. La chiave si trova nella chiesa di S. Carlo.

Terminata la visita della chiesa si imbocca la 'Via Crucis' che inizia a lato del vecchio cimitero ottocentesco. È una struttura di notevole pregio paesaggistico, composta di 14 cappelle inserite in una bella selva castanile, costruita nel 1742 e restaurata nel 1998.
Il terreno della selva castanile è di proprietà del patriziato di Biasca. Le piante di castagno, censite e numerate, sono state assegnate a singoli proprietari. Ad essi appartengono i frutti dell'albero.
Poco dopo la settima cappella, verso montagna, vi è un affioramento roccioso sulla cima del quale vi sono ancora le tracce (canale) dell'antico acquedotto che conduceva l'acqua dalla 'Froda' (cioè cascata nel dialetto locale) a Biasca; infine tra la decima e l'undicesima cappella, a monte, si nota un possente muro a secco che delimita l'area di una vecchia cava di granito; alla fine del percorso si giunge al bel ponte in sasso sulla 'Froda' che dà accesso all'oratorio seicentesco di Santa Petronilla (inizio XVII sec.; per le chiavi telefonare alla Parrocchia di Biasca, tel. 091 862/17 02).
Occorre ricordare che su un corto pianoro posto al di sopra dell'oratorio, raggiungibile attraverso un ripido sentiero, nei pressi delle gole del torrente, si scorgono ancora i pochi resti del cosiddetto 'Castello degli Orelli'.

L'itinerario si conclude percorrendo la strada carrozzabile che riconduce alla chiesa parrocchiale di San Carlo.

PartenzaBiasca
ArrivoBiasca
Adatto per
Bambini
4 zampe
Adulti
Caratteristiche percorso
Tipologia
Circolare
Lunghezza
2.05 KM
Durata
1H
Difficoltà
Facile
venerdì 26 maggio
28° MAX 28° / MIN 15°
precipitazioni 0%
vento debole/moderato
Previsioni per i prossimi giorni

ven
28° 15°

sab
28° 16°

dom
29° 16°

lun
28° 16°

mar
27° 16°
Suggerimenti
  • Scarponcini da trekking
  • Berretto
  • Borraccia
  • Occhiali da sole
  • Crema protettiva
  • Cartina escursionistica
  • Macchina fotografica
  • Cibo

 

Montagnepulite: Questo progetto nasce per favorire la gestione efficace e sostenibile delle capanne alpine sul territorio ticinese. In particolare la gestione dei rifiuti. La gestione responsabile dei rifiuti in montagna è questione di buon senso. Tutti noi possiamo dare un contributo:

https://www.montagnepulite.ch/it/regole-d-oro

Indirizzi Enti Turistici

Bellinzonese e Alto Ticino
Sede Biasca e Riviera

Contrada Cavalier Pellanda 4
CH-6710 Biasca
T +41 91 862 33 27
F +41 91 862 42 69
biasca@bellinzonese-altoticino.ch
www.bellinzonese-altoticino.ch

Indirizzi Enti Turistici

Bellinzonese e Alto Ticino
Sede Biasca e Riviera

Contrada Cavalier Pellanda 4
CH-6710 Biasca
T +41 91 862 33 27
F +41 91 862 42 69
biasca@bellinzonese-altoticino.ch
www.bellinzonese-altoticino.ch

Scarica l'App hikeTicino

Ti permette di:

  • - Esplorare gli itinerari intorno a te
  • - Scoprire i percorsi a piedi, per tutti i gusti

Non conosci il Ticino? l'applicazione ti aiuterà a scoprire gli itinerari più vicini a te. Potresti già essere su un itinerario!

Puoi scaricare l'App di hikeTicino anche da qui se disponi di una applicazione per leggere i QR code.

Non riesci a scaricare l'App? Forse il tuo smartphone non è aggiornato.
Prova a collegarlo al computer, oppure contatta il servizio clienti.